X

Privacy & Cookie

Questo sito utilizza cookie. Continuando, accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni, tra cui come controllare i cookie.

Capito!

Pubblicità

Foto di Angela Talley

Se il successo musicale è stata misurata dal numero di altri artisti, rispetto e voglia di lavorare con voi, quindi Suzi Ragsdale ha fatto in picche. Avendo una lunga lista delle sue canzoni coperte da altri e cantando dietro molti sul palco e registrare, ha da tempo dimostrato il suo valore. È passato un po ‘ di tempo da quando ha registrato da sola, e il 9 ottobre pubblicherà un EP di sei tracce “Ghost Town” che segna la sua prima registrazione in 10 anni. Provate il suono e la bellezza del suo video per il primo singolo ” Wildflowers.”

Suzi è la figlia della leggenda della musica Country Hall of Fame Ray Stevens che sta ancora andando forte con il suo regolare spettacolo CabaRay a Nashville. (Provvisoriamente impostato per riaprire a fine mese.) Insieme al suo collaboratore di lunga data, Sam Frank, papà che aiuta con la produzione del nuovo EP.

I miei ringraziamenti vanno a Suzi per le sue 11 risposte interessanti e approfondite qui sotto. Le auguro il meglio per il nuovo disco e non vedo l’ora di vederla cantare quando i tempi migliorano. Oh sì, e se lo yoga è la tua passione, Suzi ha insegnato lezioni per decenni!

Da dove vieni, quando ti sei trasferito a Nashville e perché?

Che ci crediate o no, sono uno dei relativamente pochi musicisti che sono nati a Nashville. Come suggerisce la domanda, la maggior parte dei musicisti e artisti migrano a Nashville per la comunità creativa e solidale di giocatori e scrittori qui. C’è più lavoro da fare e più collaboratori e studi ed editori e così via. Siamo la Broadway o Hollywood della musica, insieme ad Austin, New York e Los Angeles. Tante grandi città musicali nel mondo, ma Nashville ha dimostrato di essere molto speciale e unicamente desiderabile. Mio padre è uno dei musicisti che sono venuti a Nashville, intenzionalmente, da Clarkdale e Atlanta, Georgia, nel 1962. Sono nato nel ‘ 64 e sono cresciuto in studi di registrazione e sale da musica, strumenti e suonatori ovunque, tutto il tempo. Non ho mai preso in considerazione qualsiasi altra professione, ad eccezione del mio lavoro part-time di condurre lezioni di fitness e yoga negli ultimi 35 anni o giù di lì. Non mi sembra proprio un lavoro, J.

Quali sono i primi e gli ultimi dischi che hai acquistato e dove li hai comprati? Erano CD, vinile o digitale?

Il primo disco sarebbe stato sicuramente in vinile, anche se avevo 8 tracce e cassette nella mia infanzia. I primi ricordi di ascolto sono tutti di suonare i dischi dei miei genitori, per lo più i Beatles, Elton John, James Taylor, Randy Newman, Stevie Wonder, Willie Nelson could potrei andare avanti. Ma il primo che ho mai acquistato me stesso in un negozio di dischi è stato probabilmente o Carole King, Linda Ronstadt, Karla Bonoff o forse anche prima, “Brand New Key” di Melanie.”

Gli ultimi dischi che ho comprato erano CD. Recentemente ho lanciato il mio nuovo sito web, suziragsdale.com, con l’aiuto di progettare Katherine Forbes della fila. Nella ricerca di altri siti, che aveva costruito, ho rivisitato la musica della mia amica Mary Gauthier e comprato il suo pacchetto di dieci CD. Bella scrittrice e voce in questo mondo.

Primo e ultimo concerto dal vivo che hai visto?

Hmmm. Il primo concerto dal vivo è stato sicuramente di mio padre (Ray Stevens), prima che potessi uscire da solo. A meno che i miei genitori non ci portino allo spettacolo di qualcun altro. Il mio primo ricordo di questo è stato quando papà stava facendo un segmento sul Telethon Jerry Lewis e lui e mia madre ha portato me e mia sorella, Timi, allo show televisivo in diretta. A quel tempo, forse 1970, c’era una sitcom in TV chiamata Family Affair e una delle sue stelle bambino era Johnnie Whittaker. Jody era il nome del suo personaggio e Buffy era la sua sorellina dai capelli rossi. Comunque, sto divagando, quindi c’era Johnnie Whittaker! Al telethon. E io e Timi abbiamo avuto modo di incontrarlo e fare le nostre foto con lui e cantare “It’s A Small World After All” con lui! Figo per un bambino di sei anni.

Poi, nel 1979, andai con gli amici all’Auditorium Comunale per vedere Yes in the round con opening act, Pat Travers. Boom Boom (Fuori andare le luci)!

L’ultimo concerto dal vivo stava portando il mio amico e produttore, Sam Frank, al CabaRay per vedere lo spettacolo di mio padre. Questo era l’inizio di marzo di quest’anno, prima che il Coronavirus chiudesse tutti i grandi raduni fino a un avviso futuro. Poco prima, a San Valentino, Sam e io abbiamo partecipato al concerto dei Wood Brothers al Ryman Auditorium.

Di chi dovrebbe essere aggiunta la stella alla Music City Walk of Fame?

Jason Isbell e l’unità 400!!!!!

Dove vai a Nashville per un caffè e una pizza?

Non sono un grande bevitore di caffè, di solito ho solo una tazza a casa. Mi è sempre piaciuto Bongo Java su Belmont Blvd. se. Da quando mi sono trasferito a Kingston Springs, ho scoperto Skyking Pizza. Cotto a legna e fatto a mano su ordinazione, è facilmente la migliore pizza che abbia mai avuto, e se fossi ancora a Nashville, sarei felice di fare il 30 minuti di auto per una delle loro creazioni artigianali. Prima di sapere di Skyking, andrei da Mafiaoza sulla 12th Avenue se avessi una voglia di pizza.

Qual è il tuo disco preferito mai uscito da Nashville?

Bene ora, è quasi impossibile rispondere! Forse Aloha di Darrell Scott da Nashville? Forse mio padre ha acceso la radio o Misty? Forse Jason Isbell del Sud-est o qualcosa da Guy Clark o Kristofferson. Potrei elencarne un migliaio e non essere in grado di dire “Questo è tutto! E ‘ il mio preferito!”È come chiedere qual è il tuo colore o cibo preferito. Mi piace tutto ciò che è buono. E questo è potenzialmente soggettivo.

Qual è il posto migliore per mangiare a tarda notte dopo uno spettacolo?

Nel corso della giornata, come si suol dire, il Sunset Grill a Hillsboro Village aveva un ottimo menu a tarda notte. Prima ancora, quando lasciavo Bogey dopo uno spettacolo di Pat McLaughlin, ci incontravamo al B. Palola’s in Hayes Street per la gouda en croute al forno. E c’è l’Hermitage Diner sulla 1st Avenue North per bistecca e uova alle 2 del mattino. In questi giorni, forse La cena su 3rd & Demonbreun. Erano un posto di 24 ore con sei piani di opzioni per la ristorazione: sushi, pollo caldo, è il nome. Attualmente, tutti devono chiudere alle 10 di sera in uno sforzo apparentemente arbitrario per fermare la diffusione di COVID-19 (come se non potessi prenderlo alle 9:55?). Preferirei essere sicuro che dispiaciuto, quindi il mio posto preferito sarebbe casa! Amo cucinare e sono sempre vorace dopo uno spettacolo.

Il Bluebird chiama e ti chiede di ospitare un ” A tutto tondo.”Scegli tre cantautori locali per unirti a te.

Hmmm … così tanti tra cui scegliere! Forse Rodney Crowell, Gabe Dixon e John Hiatt? Don Schlitz, Pat McLaughlin e Beth Neilson Chapman? Marcus Hummon, Mary Gauthier e Darrell Scott!

Quali sono i tuoi locali musicali preferiti per suonare in città?

Fino a questo giugno avrei detto Douglas Corner. Quella era la mia base di partenza per giocare dal 1991. Sfortunatamente, la sede sulla 8th Avenue S. e Douglas ha chiuso, ma non vedo l’ora alla resurrezione in linea che mi è stato detto è nelle opere! Ho sempre amato giocare al Bluebird troppo. Ha cantato harmony con Frank Sheen lì l’anno in cui ha aperto, 1982, credo, quando Amy Kurland possedeva e gestiva. 3rd e Lindsley è fantastico pure. Lo è sempre stato, anche prima della grande ristrutturazione.

Nome di un musicista che si desidera vedere spostare qui.

Paul Simon? Randy Newman? Lo so! Il mio produttore, Sam Frank! Nashville lo mangerebbe.

Infine, cosa c’è nel tuo futuro musicale?

Sono tutto per avere obiettivi e fare piani, ma ho imparato che non posso prevedere il futuro e che i migliori piani, ecc. La mia più grande sfida è essere presente, quindi non mi manca il momento e tutto ciò che ha da offrire. Detto questo, potrei fare una tavola di visione con foto e cose che rappresentano quegli obiettivi raggiunti. La vision board includerebbe fare un disco o due con mio padre, prima che poi, organizzare concerti live-feed house con i miei giocatori preferiti, tour e suonare festival di cantautori e concerti in tutto il mondo e scrivere e registrare nuova musica quando possibile. Più immediatamente, mentre stiamo tutti a casa un po ‘ di più, ho intenzione di passare attraverso tutte le piccole pile e frammenti di carta con idee liriche scarabocchiate su di loro e vedere cosa mi salta fuori, implorando di essere scritto. Suonare più pianoforte e fisarmonica e infine passare il tempo con la bella chitarra parlor che ho comprato l’anno scorso. Se sono benedetto con una lunga vita, spero di fare musica, ascoltare e imparare e condividere, fino alla fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.