• 94shares
  • 61Share su Facebook
  • 28Share su Twitter
  • 5
  • 0
  • 0
  • 0

Tuonela, il Regno della Morte, l’Ade della mitologia finlandese, è circondato da un ampio fiume di acqua nera e rapida corrente, su cui il Cigno di Tuonela, scivola in majestic moda e canta.

Jean Sibelius scrisse queste parole nelle prime edizioni del suo bruciante poema tonale del 1895, Il cigno di Tuonela. Originariamente concepita come il preludio di un’opera, questa musica d’atmosfera ha preso vita, invece, come parte della Suite Lemminkäinen, ispirata all’epica nazionale finlandese, il Kalevala. Il lamento solitario del cigno è rappresentato dal corno inglese.

Questo è uno dei pezzi più strani e inquietanti mai scritti. Ci trascina in un vasto ed eterno paesaggio sonoro di colori che cambiano lentamente. Profondità acquose scure e gelide incontrano una luce scintillante. Ma abbastanza descrizione. Come disse una volta Sibelius, ” La musica inizia dove finiscono le possibilità del linguaggio.”

Ecco una performance di Mariss Jansons e della Oslo Philharmonic Orchestra:

Cinque Grandi Registrazioni

  • Mariss Jansons e la Oslo Philharmonic Orchestra iTunes
  • Herbert von Karajan e i berliner Philharmoniker
  • Eugene Ormandy e l’Orchestra di Filadelfia
  • Osmo Vänskä e il Lahti Symphony Orchestra
  • Paavo Järvi e la Royal Stockholm Philharmonic Orchestra
  • 94shares
  • 61Share su Facebook
  • 28Share su Twitter
  • 5
  • 0
  • 0
  • 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.