Non sei mai troppo giovane per cambiare il mondo, e questi adolescenti ci stanno mostrando come. Rompendo tutti i tipi di barriere che si incontrano, questi changemakers stanno facendo sforzi consapevoli per trovare soluzioni a vari problemi sociali, un passo alla volta. Queste ragazze sono diventate modelli per molti altri per seguire i loro sogni con passione e determinazione.

Apoorvi Bharatram (17), Progetto Felicità

Apoorvi Bharatram. Foto per gentile concessione: Yourstory.

Crescendo, Apoorvi ha assistito alla lotta di sua sorella con la depressione clinica. È diventata sempre più curiosa dell’argomento e quando ha osservato una mancanza di accesso all’assistenza sanitaria mentale di qualità, specialmente nelle scuole governative, ha deciso di risolvere il problema.

Nel 2019, Apoorvi ha avviato il progetto Happiness che aiuta a misurare il quoziente di felicità degli studenti delle scuole governative e forma gli insegnanti come para-consiglieri. Gli studenti sono valutati in diverse aree, tra cui depressione, ansia, abuso di sostanze, così come problemi di immagine del corpo.

Attraverso questa impresa, gli studenti sono incoraggiati a condividere le loro lotte di salute mentale senza paura, e anche aiutare gli altri a parlare delle loro esperienze. Ora, Apoorvi sta sviluppando un app per aumentare la portata del Quoziente di felicità nelle scuole in tutta l’India.

È stata selezionata come Ashoka Changemaker, e prevede di perseguire la sua istruzione superiore in psicologia presso l’Università della Pennsylvania, USA.

Siya Tayal (15), Progetto sono abbastanza

Siya Tayal. Foto per gentile concessione: Yourstory

Questa giovane changemaker di Gurugram aveva solo otto anni quando fondò Bee Nifty, un’iniziativa che produceva sacchetti riciclabili da scarti di tessuto di scarto. Inoltre, ha fornito opportunità di sostentamento sostenibile alle donne rurali in Haryana. I suoi sforzi l’hanno aiutata a diventare uno dei più giovani oratori invitati alla sede delle Nazioni Unite a Ginevra.

Ora, la studentessa di 15 anni sta facendo notizia per creare uno spazio sicuro per se stessa e per gli altri giovani che hanno sperimentato la vergogna del corpo nelle loro vite. Progetto I Am Enough è stato lanciato nel luglio 2020 per diffondere la consapevolezza sui disturbi alimentari, trasmettere il messaggio di amore di sé, e stare in piedi contro la vergogna del corpo.

In poco tempo, si è sviluppata in una rete di quasi 500 persone, che appartengono a diversi percorsi di vita — artisti, cantanti e ballerini, che usano mezzi creativi per esprimere ciò che sentono per i loro corpi.

Aperto a tutti i generi, il progetto spera di organizzare eventi fisici post pandemia.

Sanchika Motani e Anika Taneja (14)

Sachika Motani e Anika Taneja

Queste due ragazze sono solo 14, ma stanno lavorando per fornire una soluzione a uno dei più grandi tabù della società — le mestruazioni. Quando hanno raggiunto la pubertà, sia Sanchika che Anika, come molti altri, hanno guardato i loro amici nascondere assorbenti igienici nelle loro tasche o maniche, o imbarazzarsi se avevano macchie di sangue sui loro vestiti. Tutto sommato, si sono resi conto periodi è venuto con un sacco di stress.

Sanshika e Anika, studenti della Scuola Shri Ram di Delhi, si sono incontrati all’Accademia dei Giovani Imprenditori. I due brainstormed insieme più volte, e si rese conto che erano appassionati di questa causa, e ha iniziato Li’l Lady, Crescere con fiducia.

Il kit Li’l Lady-Kit pronto per il periodo per ragazze giovani.

Un kit periodo per ragazze giovani, ha tutti gli elementi essenziali di cui si ha bisogno durante un periodo — un pad cover, due pastiglie organiche, due salviette intime, un disinfettante, un profumo tascabile, pad termico fatto a mano, un pacchetto separato per biancheria intima macchiata e una barretta di cioccolato fondente per quei fastidiosi PMS blues.

Inoltre viene fornito con un diario periodo che non solo fornisce informazioni sui periodi, ma include suggerimenti dieta sana e un tracker periodo.

Il kit periodo ha un prezzo di Rs 750. Sanchika e Anika pianificano di condividere alcuni proventi del profitto a una ONG Pratisandhi. In futuro, hanno anche in programma di vendita al dettaglio il kit attraverso Amazon e Flipkart.

Harshita Jain (16), Necessiteas

Harshita Jain. Picture courtesy: Yourstory

Questo giovane studente della American Embassy School di New Delhi ha fondato una startup di tè chiamata Necessiteas che produce deliziosi bubble tea. Harshita, che fa parte della Young Entrepreneurs Academy, ha pensato a questa idea dopo essersi imbattuta in una storia che coinvolge bubble tea.

Grande fan del bubble tea, si rese conto che la qualità di questa varietà di tè disponibile in India non era delle migliori e decise di trovare una soluzione. Oggi, alcuni dei sapori venduti dalla società sono importati da Taiwan.

Harshita attribuisce a suo nonno il merito di averle instillato uno spirito imprenditoriale poiché lo avrebbe sentito parlare della sua impresa, fin da quando era bambina.

A partire da ora, la startup viene finanziata dalla famiglia e il tè viene prodotto anche nella sua casa con il loro sostegno. A tempo debito, Harshita prevede di aprire negozi pop-up.

Guarda anche: da adolescenti, queste ragazze indiane sono diventate imprenditori di successo.

(A cura di Saheli Sen Gupta)

Seguici su Instagram per gli ultimi aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.