Non esiste una relazione più importante della relazione con te stesso. Approfondendo la nostra conoscenza, comprensione e connessione allo yoga continuando a leggere, ricercare ed essere curiosi di conoscere lo yoga dalle nostre stuoie, coltiviamo la nostra pratica di Svadhyaya. Iniziamo a conoscere noi stessi.ya sul tappetino

Studiare le nostre abitudini sul tappetino yoga può fare molto per riconoscere anche le nostre abitudini. Il modo in cui pratichiamo lo yoga riflette spesso il modo in cui pratichiamo la vita… e la pratica fisica dello yoga di una persona spesso rivela molto di più su di loro di quanto possano pensare.

Quando siamo sul tappeto, non c’è nessun posto dove nascondersi. Le distrazioni quotidiane di telefoni, faccende, e-mail e TV non sono più lì per prendere le nostre menti lontano da noi stessi. Dobbiamo prestare attenzione ed essere presenti nel momento. Questo può essere un po ‘ intimidatorio all’inizio, e una pratica yoga a volte può rivelare di più su dove sono i nostri problemi piuttosto che su quanto siamo perfetti – che, come sappiamo, è molto buono per distruggere l’ego.

Studiare il respiro è la chiave

Una delle prime cose che impariamo quando iniziamo una pratica yoga è che il respiro ci dice come siamo. Un respiro breve e superficiale tenuto alto nel petto è spesso un segnale che siamo stressati o preoccupati per qualcosa, o che stiamo fisicamente spingendoci oltre i confini sani durante la pratica. Se noti che il tuo respiro assomiglia a questo, prima chiediti perché. C’è un motivo per essere stressati o preoccupati? E ha importanza adesso?

Dove tieni la tensione?

La mascella, la fronte, il collo, le spalle e la parte superiore della schiena sono luoghi comuni che tendiamo a memorizzare le nostre paure e preoccupazioni. Quando si arriva al vostro tappeto, prima diventare consapevoli di ciò che è possibile annullare prima di iniziare a ‘fare’ qualsiasi altra cosa. Chiediti perché questa tensione potrebbe essere presente, e quanto spesso sorge durante la tua pratica?

Quali pensieri ti stanno riempiendo la testa?

Se il nostro tempo sul tappeto è l’unico momento in cui ci diamo il permesso di fermarci, spesso è anche il momento in cui la nostra mente decide di scaricare i suoi milioni di pensieri vorticosi. Se noti che la tua mente diventa particolarmente occupata quando vieni a praticare, non è un caso di “bloccare” i pensieri, ma piuttosto di riconoscerli e riconoscerli per quello che sono – poiché questo ci insegnerà molto di più su noi stessi. Rendersi conto di quali pensieri entrano nella nostra mente su base regolare ci aiuta a diventare consapevoli di molti altri aspetti di noi stessi.

Svadhyaya nella vita di tutti i giorni

Leggere tutto ciò che aiuta ad approfondire la tua pratica yoga e ad avvicinarti a te stesso può essere una pratica quotidiana di Svadhyaya – che si tratti di studiare un testo tradizionale, leggere un blog di filosofia o leggere un libro o una poesia che risuona con te. Svadhyaya è la pratica di studiare noi stessi nella vita quotidiana, che ci richiede di prendere la nostra pratica yoga dal tappeto.

Questa è sempre la cosa più impegnativa per me come insegnante di yoga. Sapere cosa stiamo facendo in ogni momento ci richiede di prestare attenzione, ma porre la domanda ” perché sto facendo questo?”ci richiede di essere consapevoli e pienamente presenti, che è “prestare attenzione” su un livello completamente nuovo. Spesso possiamo evitare di mettere in discussione le nostre azioni, poiché di solito è un catalizzatore per il cambiamento, e come esseri umani spesso non ci piace il cambiamento.

Ancora una volta, si tratta di riconoscere le nostre abitudini e discernere quali provengono in gran parte da un luogo basato sull’ego e quali sono il risultato dell’ascolto del nostro vero Sé.

La pratica di fare un proverbiale passo indietro e osservare e mettere in discussione le nostre azioni può alla fine permetterci di districarci da aspetti della nostra vita che sono dannosi per il nostro benessere. Come con qualsiasi cosa vale la pena fare, non è facile, ma vale la pena lo sforzo e la dedizione.

Ne vale la pena! ♥️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.